Per offrirti il miglior servizio possibile BotanicaUrbana.com utilizza cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies. - Cookie policy - Accetto

Il Ragno Rosso

Faccia a Faccia con il Rosso
Ragno rosso
Ragno Rosso (Tetranychus Urticae)

L’odiato ragnetto rosso si chiama Tetranychus urticae. È un acaro, come quelli che avete nel letto, solo un po’ più grande. Si vede a occhio nudo ma è meglio usare una lente per stanarlo sotto le foglie delle vostre piante, dove alberga. È ovale, otto zampe e niente antenne. Può anche non essere proprio rosso. Questo aracnide, invece di mangiare insetti come i normali ragni da ragnatela, succhia clorofilla bucando la foglia e lasciando una macchiolina bianca o gialla. La parte danneggiata è però più grande di quella visibile e la funzione della foglia è rapidamente compromessa. Il ragno attacca volentieri i vostri fagioli, molti ortaggi e piante da frutto. Quello con due macchie scure sulla schiena si accanisce in particolare su certe piante e l’infestazione avviene in pochi giorni o anche poche ore.

Ragno Rosso
Ragno Rosso

Questo acaro è in grado di riprodursi fino a dieci generazioni all’anno. Una femmina di ragnetto rosso bella tonica depone tantissime uova, che possono schiudersi appena dopo la vostra bella disinfestazione, rendendola quasi inutile. Stavolta i ragnini saranno immuni agli antiparassitari che avete usato in precedenza. Quando sono ben insediati costruiscono teloni di ragnatela sopra le foglie per ospitare le larve. Questo alla pianta non piace.

Il rosso preferisce i climi caldi e non troppo umidi. Come dargli torto? Nel clima da grow box si trova molto bene ma non sa che noi possiamo improvvisamente farlo diventare freddo e umido per 24 ore. La pianta resiste, il rosso patisce. Se prima e dopo l’inverno improvviso abbiamo vaporizzato per bene la colonia con qualche intruglio fatto in casa o prodotto da laboratori specializzati, dovremmo aver vinto la prima battaglia. I superstiti li spazziamo via manualmente, soprattutto i più piccoli o furbetti nascosti alla base delle foglioline giovani. Pochi sopravvissuti bastano a ricominciare rapidamente l’infestazione. Lente di ingrandimento e polpastrelli bagnati, controllare tutte le foglie. Dopo la terza settimana di fioritura sono problemi perché è meglio non usare più alcuni tipi di prodotti e la rimozione meccanica può danneggiare i fiori.

Evitare l'Infestazione
Ragnatele da Ragno Rosso
Ragnatele di ragno rosso

 Nelle coltivazioni all’aperto la riproduzione del parassita viene ridotta dalle aggressioni ambientali ma nell’ambiente protetto di una grow room non trova nemici naturali, come la pioggia o altri insetti che lo mangiano. Sono quindi necessari alcuni accorgimenti per ridurre il rischio di infestazioni: non spostare all’interno del grow box piante provenienti dall’esterno. Tenere separata per due settimane una pianta proveniente dall’esterno e controllarla prima di inserirla nella grow room. Pulire spesso l’area di coltivazione. Mai lasciare rifiuti o sacchi di foglie secche all’interno della coltivazione. Disporre un filtro all’ingresso dell’aria. Scarpe, vestiti, animali domestici, borse e qualsiasi oggetto proveniente dall’esterno possono trasportare uova di parassita nella grow room. Molto pericoloso è il terriccio di bassa qualità non sterilizzato.

Tecniche di Lotta al Ragnetto Rosso
Infestazione di ragno rosso
Infestazione di Ragno Rosso

 Per liberare le vostre piante dalla popolazione di ragnetti rossi è necessario capire le tecniche e i prodotti più efficaci per la particolare situazione, ed eventualmente ripetere i trattamenti alternando diversi composti. Al primo sospetto di infestazione cominciare immediatamente un trattamento antiparassitario. Meglio ancora utilizzare in anticipo i prodotti per la prevenzione.

Vediamo come fare.

Azioni meccaniche

Scrollare la pianta, se possibile capovolta, e passare le dita inumidite con acqua su tutte le foglie, dalla base verso l’esterno e fra le nervature. Prima e dopo le carezze, una bella doccia fresca (alla pianta). Le foglie più infestate vanno rimosse. È utile anche aumentare l’irrigazione e spruzzare acqua sulle foglie nei giorni successivi per mantenere un’umidità elevata che soffoca il parassita. Questo trattamento dovrebbe eliminare gran parte, non tutta, la popolazione adulta.

Azioni biologiche

Si spargono sulla coltivazione predatori che mangiano il ragnetto rosso, come il Phytoseiulus persimilis, la coccinella e molti altri acari, coleotteri o ditteri. In agricoltura biologica è anche permesso un fungo non tossico per piante e animali, il Beauveria Bassiana, che è in grado di sterminare velocemente un’intera colonia di ragni.

Azioni biochimiche

All’acaro non piacciono molte cose che invece piacciono a noi: peperoncino tritato, tabacco, ortica, aglio e cipolla, olio vegetale, sapone di marsiglia, olio essenziale di rosmarino, fiori di piretro, cannella, olio di neem. Questi sono i componenti usati più spesso per preparare antiparassitari innocui per le piante e per l’uomo. Si mischiano e si lasciano a macerare uno o più di questi materiali in acqua e poi si spruzza il composto sulla pianta. Bisogna spruzzare l’antiparassitario su tutte le parti, sopra e sotto le foglie.

Prodotti di Origine Naturale
Ragnatele di ragno rosso
Ragnatele di ragno rosso

Esistono in commercio composti biologici specifici contro i vari tipi di parassiti, fra cui il ragno rosso. Non consideriamo qui i prodotti di origine chimica, che sono da sconsigliare in una coltivazione domestica. Fra gli spray fogliari con soli ingredienti naturali troviamo i prodotti a base di sapone potassico, di olio di neem o di cannella. Esistono poi i nutrienti che aiutano la pianta a produrre difese naturali, oppure i composti a base di silicato di potassio che rinforzano e induriscono i tessuti delle piante. E infine quelli che creano una patina protettiva per impedire l’attacco dei parassiti alle foglie.

Uno dei prodotti più efficaci a base di estratti vegetali contro il ragno rosso è SMC Spidermite Control. Agisce in modo fisico e non chimico, bloccando le vie respiratorie ai ragni adulti e la traspirazione alle uova, impedendone la schiusura. È completamente sicuro per piante, animali e bambini ed è in grado di eliminare diverse specie di parassiti.


Condividi
Prodotti suggeriti: