Per offrirti il miglior servizio possibile BotanicaUrbana.com utilizza cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies. - Cookie policy - Accetto

Flush Finale e Lavaggio Radici

Questo Post è dedicato al tentativo di fare chiarezza su termini spesso usati indifferentemente per esprimere due concetti che però sono ben distinti. 

Flush o Risciacquo Finale

Il risciacquo finale, anche chiamato Flush, è una pratica conosciuta alla larga maggioranza dei coltivatori indoor e si tratta essenzialmente di sospendere l'uso dei fertilizzanti NPK e di tutti gli additivi durante gli ultimi giorni antecedenti al raccolto continuando ad innaffiare regolarmente con sola acqua. Fanno eccezione le soluzioni di forzatura come il Ripen, e i prodotti specifici per il risciacquo, che sono molti. Grazie al Flush la pianta ha la possibilità di "ripulirsi" da eventuali eccessi di sostanze nutritive non processate, che possono causare cattivi sapori e aromi nella coltura, una volta raccolta. Negli ultimi giorni, infatti, ha la possibilità di esaurire gli ultimi nutrimenti spostando i macroelementi mobili come NPK dalle foglie più vecchie a quelle più nuove, auto cannibalizzandosi, e riducendo i livelli di sali minerali ormai diventati inutili, all'interno dei tessuti vegetali. 

Il periodo del Flush varia dagli ultimi 5 - 20 giorni di vita della pianta, a discrezione del coltivatore, del modo in cui ha fertilizzato durante la fioritura e anche considerando se ha fatto uso di fertilizzanti minerali oppure organici. Nel secondo caso la necessità di risciacquo è ridotta di 1/3.  

Lavaggio di Radici

Il lavaggio di radici è una pratica di emergenza, da applicare immediatamente dopo aver scoperto un grosso errore di fertilizzazione. In questo caso bisogna dilavare il terriccio dei fertilizzanti dati in eccesso, che cristallizzano sulle radici, poichè non assorbiti completamente, e bruciano le radici stesse. In questo caso bisogna innaffiare i vasi con una quantità di acqua, possibilmente a ph controllato, pari a circa 10 volte il volume del vaso. Bisogna continuare ad innaffiare e fare in modo che il vaso dreni la maggior parte dell'acqua in uno scarico. In questo modo l'acqua assume una funzione meccanica sciogliendo gli accumuli di sali e trasportandoli nello scarico. 

Questa pratica affatica moltissimo la pianta e stressa la zona radicale, in più se il ph dell'acqua di lavaggio non è controllato, può modificare il ph del terriccio, quindi non bisogna usarla se non in situazioni gravi. Per risolvere dei principi di accumuli nel terriccio basta l'uso di soluzioni enzimatiche e un'innaffiatura normale con acqua. 


Condividi
Prodotti suggeriti: