Per offrirti il miglior servizio possibile BotanicaUrbana.com utilizza cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies. - Cookie policy - Accetto

Come Scegliere la Lampada

Scegliere il Tipo, la Potenza e la Gradazione

A volte scegliere la lampada ideale al proprio spazio di coltivazione può non sembrare facile, ci sono tecnologie diverse, wattaggi diversi e temperature di luce diverse.


Area di Coltivazione e Numero di Vasi

Per prima cosa è importante partire dal proprio spazio di coltivazione inteso come metri quadrati e non dal numero dei vasi che si vuole usare. Infatti la resa di una serra indoor non dipende dal numero dei vasi ma dalla potenza della lampada. Se ad esempio una lampada da 400W è in grado di illuminare 1m2 poco cambierà, in termini di resa, se riempiamo questo spazio con 5 o con 10 vasi. Riempire la serra con 5 vasi permetterà di far sviluppare le piante di più, poichè hanno più spazio "pro capite" e saranno illuminate meglio; queste piante avranno una buona resa e una buona qualità di maturazione. Riempiendo invece lo stesso spazio con 10 vasi si avrà una coltura in cui le piante devono competere tra loro, si dovranno far crescere di meno in termini di crescita vegetativa poichè altrimenti la lampada non riuscirebbe ad illuminare decetemente tutte le piante. In questo caso è possibile che si raggiunga una resa lievemente maggiore rispetto al caso precedente, ma sicuramente la qualità di maturazione ne risentirebbe in quanto una coltura fitta impiega più tempo a completare la maturazione.


Decidere il Tipo di Lampada

Detto questo possiamo aggiungere che ci sono due tipi di lampade che si possono usare per coltivare indoor: le lampade compatte fluorescenti e le lampade a scarica.

Le prime, anche chiamate CFL sono adatte per piccoli spazi in quanto emettono luce non troppo intensa. Queste lampade non producono troppo calore quandi normalmente si installano a pochi centimetri sopra la cima delle piante in modo da limitare al massimo la dissipazione luminosa (ovvero che l'intensità luminosa si attenui a causa del percorso che deve fare prima di arrivare alle foglie). Le lampade CFL sono ideali per spazi inferiori a 0,8m2, per le fasi di germinazione e di crescita vegetativa, momenti in cui le piante non richiedono particolari intensità luminose e in cui normalmente si usano vasi più piccoli che permettono di raggruppare più piante in uno spazio limitato.

Tuttavia quando si passa in fioritura, si usano vasi più grossi, le piante hanno bisogno di molta più luce per fare fioriture complete e profuse e hanno bisogno di essere spaziate di più tra loro. In questo caso si possono usare lampade a scarica di tipo HPS (temperatura di colore a circa 2700K°, luce giallognola, ideale per la fioritura) e MH (a 4000K°, luce bianca fredda, ideale per la vegetativa). Queste lampade emettono quantità di luce molto maggiori rispetto alle CFL ma anche calore. Per questo motivo bisogna ricordarsi di mantenere una distanza minima tra la lampada e le piante in modo che queste non vengano bruciate nelle parti alte. Se si usano lampade a scarica è sempre importante considerare l'altezza del proprio spazio di coltivazione in modo da essere sicuri che ci sia abbastanza spazio verticale per farci stare tutto. 


Decidere la Potenza

La tabella sottostante è un buon punto di riferimento per scegliere la lampada adatta al proprio spazio.

Dimens.

(cm)

 

Area

(m2)

N.Vasi  

Lampada

Veget.

 

Lampada

Fioritura

Distanza

Bulbo

Altezza

minima

60x60 0,36

    4

CFL 125W

CFL 200W

 

CFL200

HPS 150W

5 cm

20cm

140cm

140cm

90x90 0,81

    9

CFL 200W

MH 250W

 

HPS 250W

HPS 400W

25cm

40cm

160cm

180cm

100x100 1   12MH 400W HPS 400W40cm180cm
120x120 1,44   16MH 600W HPS 600W50cm200cm

Scegliere una fonte luminosa adeguata è un fattore chiave per raggiungere successi e soddisfazione coltivando in indoor. Ci sono tante persone che sostengono che si può coltivare anche solo usando una lampadina normale da 40W. Questo in parte è vero, anche usando una fonte luminosa molto modesta quasi tutte le piante riusciranno a germinare e vegetare: magari si avranno piante molto sfilacciate con molto gambo e poche foglie, ma probabilmente sopravviveranno. Tuttavia quando si passa in fioritura la potenza della lampada diventa un fattore chiave per quello che riguarda la resa della coltivazione: con una fonte luminosa troppo debole la resa sarà quasi nulla, mentre con una lampada adeguata la fioritura sarà completa e profusa.


Decidere la Temperatura di Colore (K°)

Lo spettro luminoso è la cosa più facile da decidere. Infatti in generale le lampade hanno tre diverse gradazioni:

Spettro Luminoso Visibile
Spettro Luminoso Visibile misurato in nanometri

 

  • Gradazione per la Crescita Vegetativa - la luce è bianco freddo, compresa tra i 4000K° e i 6500K° (480nm). Questa luce induce le piante a crescere compatte, a ridurre la distanza degli internodi e a produrre parti verdi come fusto e foglie. Questa gradazione di colore è ideale per il fotoperiodo di crescita, ovvero 18 ore di luce e 6 ore di buio.

 

  • Gradazione per la Fioritura - la luce e giallastra intorno ai 2700K° (655nm). Questa luce induce la pianta a sviluppare i fiori ed è ideale se abbinata ad un fotoperiodo di fioritura, ovvero 12 ore di luce e 12 ore di buio.

 

  • Gradazione Agro - la luce è simile a quella prodotta da una lampada da fioritura ma contiene anche una parte di spettro bianco freddo in modo che possa essere usata decentemente come lampada da vegetativa a 18/6 ed essere una lampada ideale anche per la fioritura quando impostata a 12/12. Lo spettro si aggira intorno ai 2000K°.
Condividi
Prodotti suggeriti: